Mensola shabby-chic con faretti incassati: istruzioni per copiarla!

Per la realizzazione della parte tecnica di questo elemento, mi sono avvalsa della collaborazione de ILDETTOFATTO …io ci ho messo la creatività!

Occorrente:

  • Tavola di legno (io ho usato il pino) tagliata su misura
  • Smalto ad acqua azzurro chiaro
  • Smalto ad acqua bianco opaco
  • Cera liquida
  • Carta vetrata
  • Spugna abrasiva
  • Pennelli
  • Faretti da incasso
  • Trapano (con accessori per forare il legno)

Penso che le immagini siano abbastanza chiare, ma in ogni caso, vi descrivo brevemente il procedimento:

In questo caso il legno era già pronto da utilizzare ma se state utilizzando materiale di recupero, bisogna procedere come prima cosa alla scartavetratura.

Si passa quindi il primo strato di colore.

IMPORTANTE: prima di realizzare qualsiasi lavoro di decappaggio o shabby chic che dir si voglia, dovete progettare a tavolino cosa volete ottenere come risultato finale.

Nel mio caso volevo una mensola in cui il colore predominante fosse il bianco, ma l’effetto facesse sembrare che il tempo avesse portato via un pò dello strato esterno per far apparire la base precedente azzurra.

Per essere sicura che la scartavetratura non portasse via anche l’azzurro sottostante, prima di passare il bianco, ho passato la cera liquida, insistendo sulle parti che sapevo che poi avrei riportato all’azzurro.

La cera infatti protegge e lucida il colore che applichiamo al legno, oltre a dargli un ottimo profumo!!

Dopo aver passato un panno di lana per rendere omogenea la stesura della cera e allo stesso tempo rimuoverne gli eccessi, sono passata a dare la mano di bianco. Questo passaggio è molto creativo perchè, se siete brave, non sarà quasi necessario procedere alla scartavetratura. Le pennellate infatti devono risultare abbastanza ‘grossolane’ e assolutamente imprecise.

A questo punto, è intervenuto Antonio (ILdettofatto) che ha proceduto ad effettuare i fori necessari per l’inserimento dei faretti e quelli laterali necessari per appendere la mensola nel muro, con staffe a scomparsa. Antonio mi ha suggerito questa soluzione, che è sicuramente la più efficace e pulita dal punto di vista estetico.

Una volta preparati i buchi e prima di incassarvi i faretti, mi sono divertita a passare la cartavetrata seguendo le venature del legno e la mia creatività. Dopodichè, ho spolverato bene tutte le supefici della mensola e ho passato uno finish trasparente opaco, che mi fa stare più tranquilla sulla durata del lavoro, dato che la mensola è destinata ad un bagno.

Facile, no? E anche molto divertente, ve lo assicuro!

Alla prossima!

Elena